La nostra Associazione Sportiva porta nel  nome e nel cuore questa meravigliosa località che oltre ad essere di interesse storico e turistico gode di una posizione privilegiata in mezzo al mare, peculiarità che la rende speciale per la pratica del Kitesurf, grazie ai venti che la attraversano e grazie ad lunghissimo banco di sabbia che ne protegge un’ampia zona dalle onde, regalando acqua bassa e piatta.
Le sue caratteristiche morfologiche la portano ad essere uno spot ideale per l’insegnamento, per muovere i primi passi in indipendenza, per il freeride e per la pratica dei salti.
Grado è apprezzata a livello europeo ed è solitamente frequentata anche da kiters provenienti da Slovenia, Croazia, Austria e Germania.
Ci possono essere giornate in cui si contano diverse centinaia di kite in acqua e grazie ai diversi spot il Kitesurf può essere praticato in tutte le stagioni.

I VENTI

Il vento maggiormente apprezzato è la Bora da est e nord-est che può essere particolarmente intensa potendo raggiungere i 30/40 nodi ed anche oltre. Si presenta in qualsiasi momento dell’anno e durare anche diversi giorni. In rapporto alle condizioni può essere rafficata oppure stesa, ottima per chi ama saltare. Di solito è side-off anche se questo non è un problema grazie al fondale basso che permette un rientro non troppo difficoltoso anche in caso di cali repentini.
Ottimo anche il vento da sud che permette di fare delle agevoli traversate di fronte a tutta la spiaggia di Grado fino alla bocca di porto posizionata ad ovest e godere anche di un po’ di onda.
Nella stagione estiva le belle giornate offrono un buon vento termico, la mattina da nord-est ed al pomeriggio da sud-ovest che solitamente va dai 6 ai 12 nodi, momenti da Big-Foil per la gioia degli amanti del Light Wind.
Gli unici venti che possono dare problemi provengono da nord ed ovest i quali arrivando dall’entroterra sono rafficati rendendo difficile e pericolosa la navigazione.

CONSIGLI

Il fondale basso e la formazione di alghe non sono adatti a pinne lunghe, le tavole race ed hydrofoil sono quasi inesistenti, si usano prevalentemente le tavole TT. In acqua sono presenti diversi ostacoli costituiti da pali e boe per le segnalazioni di navigazione e qualche volta si rischia di imbattersi in tronchi galleggianti. E’ comunque sufficiente un normale livello di attenzione per godersi serenamente le session.
Il fondale basso è spesso melmoso e può nascondere conchiglie affilate, sarebbe consigliato l’uso di scarpette protettive.

DRITTE PER CHI VIENE LA PRIMA VOLTA

Grado è una località turistica quindi è facile trovare alloggio in hotel ed appartamenti, ci sono anche aree predisposte per i camper. Il tutto nelle immediate vicinanze degli spot.
Le previsioni meteo locali si possono trovare sul sito dell’ OSMER FVG.
I locals sono molto cordiali, quando venite la prima volta chiedete pure consiglio su come muoversi.
Si raccomanda sempre una particolare attenzione e cortesia verso i bagnanti per mantenere l’attuale tolleranza verso il Kitesurf da parte delle autorità locali.

LIMITI ALLA NAVIGAZIONE

Le ordinanze della Capitaneria di Porto limitano la navigazione durante la stagione balneare estiva. In pratica è vietata la navigazione all’interno della zona di balneazione che si estende fino a 400 metri dalla battigia e delimitata da delle evidenti boe di colore rosso. La presenza di un isolotto permette l’uscita in quanto si protende oltre la linea di balneazione.
La navigazione è vietata anche presso le bocche di porto e ci sono dei limiti anche per la presenza di aree naturalistiche protette (SIC).

GLI SPOT

Ci sono due spot principali a Grado abbastanza vicini tra di loro, l’Isolotto in Sacca dei Moreri e Punta Barbacale presso Grado Pineta

spot_grado_600px

nelle apposite sezioni si trova un maggiore approfondimento

L’Isolotto…

Grado Pineta…