Come qualunque altro natante spinto dall’azione del vento, anche con il kite è possibile gestire la direzione in funzione del flusso d’aria. Le andature sono 3: il lasco, il traverso e la bolina.

Il lasco è l’andatura nel quale il vento arriva alle tue spalle quindi l’ala viene semplicemente “spinta” avanti dal flusso d’aria. Il traverso è l’andatura in cui il tuo kite viaggia perpendicolare al flusso d’aria mentre la bolina è l’andatura nel quale il tuo kite risale il vento sfruttando l’azione della tavola che fa da pinna.

Non è stata citata l’andatura di poppa perché nella pratica del kitesurf non è praticata praticamente mai se non quando tieni l’ala sopra la testa allo zenith.In questo caso l’ala non ha trazione e quindi è un’andatura non sfruttabile. Inoltre essendo la tavola normalmente perpendicolare alla direzione del vento, l’andatura di poppa non produrrebbe alcun avanzamento.

L’andatura ideale per i kite è il traverso perché è possibile sfruttare al meglio tutte le doti di trazione dell’ala.

Materiali formativi a cura di Mollusk – prima redazione luglio 2011